Osservatorio Metaverso

In occasione del suo Summit, Qualcomm ha presentato lo Snapdragon AR2 Gen 1, un chip progettato per potenziare le esperienze in realtà aumentata, ideale per gli occhiali AR di prossima generazione.
AR2 Gen 1 è costruito da zero su un’architettura di elaborazione distribuita multi-chip combinata con blocchi IP personalizzati. L’architettura multi-chip di Snapdragon AR2 Gen 1 è costituita da un processore AR, un coprocessore AR e una piattaforma di connettività.

Il chip supporta fino a nove telecamere simultanee. Ha capacità di percezione affidate ad un motore con accelerazione hardware dedicato che migliora il tracciamento e la localizzazione del movimento dell’utente, un riduttore di latenza per interazioni di input sensibili come il tracciamento delle mani o 6DoF (sei gradi di libertà) e un motore di proiezione per un’esperienza più fluida. Qualcomm ha a disposizione anche l’unità Hexagon, un AI processor usato all’interno di altri chip. Ovviamente l’azienda vede l’AI centrale ovunque, dai visori al cloud, Al momento non sono chiari i rapporti tra Hexagon e AR2 Gen1.

Snapdragon AR2 Gen 1

Il co-processore AR aggrega i dati da telecamere e sensori collegati, abilitando funzionalità come il tracciamento oculare e l’autenticazione dell’iride per il foveated rendering. La fovea è un’area estesa circa 2 decimillesimi della retina, ma l’elaborazione delle immagini che raccoglie occupa il 40% della corteccia cerebrale.  
Poiché l’occhio richiede risoluzione minore al di fuori del campo visivo della fovea, distinguere le due aree permette di ridurre la risoluzione su gran parte dell’immagine ricostruita, riducendo elaborazione e consumo energetico. 

La connettività FastConnect 7800 permette di sfruttare la latenza di 2 ms tra occhiali e host permessa dal Wi-Fi 7. Parlando di latenza e della promessa di 1 ms, Qualcomm sta sviluppando chip 5G con specificità AI come lo SnapDragon X-70.

Inoltre Qualcomm mette a disposizione degli sviluppatori “Snapdragon Spaces XR Developer Platform” per creare contenuti di realtà aumentata in grado di sfruttare tutta la potenza del nuovo chip.

I primi partner a sfruttare lo Snapdragon AR2 nei loro futuri occhiali sono Lenovo, LG, Nreal, Oppo, Pico, QONOQ, Rokid, Sharp, TCL, Tencent, Vuzix e Xiaomi.


L'autore: Leo Sorge

Leo Sorge

Divulgatore di scienze e tecnologie reali o presunte. Ha lavorato e diretto riviste di divulgazione. Ha collaborato a molti libri, tra i quali The Accidental Engineer, Lavoro contro futuro e Internetworking.
Lascia un commento